Marco Papa - Video performances

IL RISORTO CHE UNISCE

 Marco Papa – Cristo Nudo – Trapani


“Il Risorto che Unisce” From 10 to 13 April 2020 in Trapani the association L’Uomo sulla Terra founded in Erice by Marco Papa, under the patronage of the Municipality of the City of Trapani, of the CEI (Italian Episcopal Conference), the Curia of Trapani and the Curia of Sessa Aurunca, present the event “Il Risorto che Unisce”.
In the disheartening historical moment in which Covid 19 marked the life of all humanity, destiny appears subjugated and uncertain, the artist Marco Papa and Andrea Aquilanti, reacting by proposing two works, in a single event Remembering courageously Christian values and humans in which our lives and our Italy are founded. “Cristo Nudo” by Marco Papa: On Good Friday, April 10, at 12:00, at the beginning of via Giovanni Battista Fardella (between Piazza Vittorio Emanuele and Fontana di Tritone) at a height of 15/20 meters from about earth, hanging from a crane, symbol of work, a white sculpture appears with open arms, it is Christ crucified, his white body, pierced in the wrists, feet and side, is the imprint of a naked man, of a 33-year-old Semitic person. Christ is naked, he has only the Crown of Thorns on his head, as he was in truth on the Cross, he is naked because he is free of sins as Adam was in the beginning, he is naked because: “Naked I came out of my mother’s womb, and naked I will return to the bosom of the earth; the Lord has given, the Lord has taken away; blessed be the name of the Lord “, Job 1:21.

“Sepolcro di Luce” by Andrea Aquilanti: Saturday evening, April 11, on the highest part of the bell tower of the Church of Our Lady of Fatima, a video projection, which lies on its walls and in the openings of the bell tower, evoking the Holy Sepulcher, sequential images of clouds appear, the sun at dawn, flying birds, the moon, rain and more. It evokes the light of the world that enters the Sepulcher immediately after its opening to compose and celebrate together.

Video direction: Francesco Siro Brigiano

IL RISORTO CHE UNISCE

Marco Papa – Cristo Nudo – Trapani


“Il Risorto che Unisce” Dal 10 al 13 Aprile 2020 a Trapani l’associazione L’Uomo sulla Terra fondata ad Erice da Marco Papa, con il patrocino del Comune della Città di Trapani, della CEI (Conferenza Episcopale Italiana), la Curia di Trapani e la Curia di Sessa Aurunca, presentano l’evento “Il Risorto che Unisce”.
Nello sconfortante momento storico in cui il Covid 19 ha segnato la vita dell’intera umanità, il destino appare soggiogato e incerto, l’artista Marco Papa e Andrea Aquilanti, reagiscono proponendo due opere, in un unico evento Ricordando con coraggio i valori cristiani e umani in cui sono fondate le nostre vite e la nostra Italia.
“Cristo Nudo” di Marco Papa: Nel giorno del Venerdì Santo, 10 Aprile, alle ore 12:00, all’inizio di via Giovanni Battista Fardella (tra piazza Vittorio Emanuele e Fontana di Tritone) ad un’altezza 15/20 metri da terra circa, appeso da una gru, simbolo del lavoro, appare una scultura bianca a braccia aperte, è Cristo crocifisso, il suo corpo bianco candido, trafitto nei polsi, nei piedi e nel costato, è l’impronta di un uomo nudo, di una persona di 33 anni, di razza semita. È nudo il Cristo, ha solo la Corona di Spine in capo, come lo era in verità sulla Croce, è nudo perché è privo di peccati come in principio lo era Adamo, è nudo perché: “Nudo sono uscito dal seno di mia madre, e nudo tornerò in seno della terra; l’Eterno ha dato, l’Eterno ha tolto; sia benedetto il nome dell’Eterno”, Giobbe 1:21.

“Sepolcro di Luce” di Andrea Aquilanti: Sabato sera, 11 Aprile, sulla parte più alta del campanile della Chiesa di Nostra Signora di Fatima, una proiezione video, che si adagia sulle sue pareti e nella aperture del campanile, evocando il Santo Sepolcro, appaiono immagini in sequenza di nuvole, il sole all’alba, uccelli in volo, la luna, la pioggia e altro. Si evoca la luce del mondo che entra all’interno del Sepolcro immediatamente dopo la sua apertura a comporre e celebrare, insieme.

Regia video: Francesco Siro Brigiano

MIRAGGIO META GONDOLA FISICA REDENTORE

 Marco Papa – Meta Gondola Lake, Mirror of Venus – Pantelleria


“Miraggio Meta Gondola Fisica Redentore” took place in August 2018 in the waters of Specchio di Venere Lake in  Pantelleria Island (Sicily). The gondola, a carbon fiber sculpture, float on the surface of the lake, appearing as a metaphysical mirage, an unexpected vision. Led by a gondolier, it welcomed the public who, during navigation, could wear a VR mask, with which they re-experienced, in virtual reality, the fireworks show of the Redentore Feast in Venice, celebrated with the event “Varo Meta Gondola Fisica Redentore “, the night of 15 July 2017.

MARCO PAPA, event “Miraggio Meta Gondola Fisica Redentore”, 2018, sculpture “Meta Gondola Fisica Redentore”, 2017, carbon fiber, m 2,12 x 12 x 1,36, “Sommo Lottatore”, 2017/2018, seat, casting bronze, 83 x 85 x 85 cm. Specchio di Venere Lake, isola di Pantelleria (Sicily) .

Video direction: Nicola Ferrari.

MIRAGGIO META GONDOLA FISICA REDENTORE

 Marco Papa – Meta Gondola Lago, Specchio di Venere – Pantelleria


“Miraggio Meta Gondola Fisica Redentore” ha luogo ad agosto 2018 nel Lago Specchio di Venere di Pantelleria. La gondola, scultura in fibra di carbonio, ha fluttuato sulla superficie del Lago, apparendo come un miraggio metafisico, una visione inaspettata. Guidata da un gondoliere, accoglieva il pubblico che, durante la navigazione, poteva indossare una maschera VR, con la quale riviveva, in realtà virtuale, lo spettacolo pirotecnico della festa del Redentore di Venezia, celebrata con l’evento “Varo Meta Gondola Fisica Redentore”, la notte del 15 luglio 2017.

MARCO PAPA, evento “Miraggio Meta Gondola Fisica Redentore”, 2018, scultura “Meta Gondola Fisica Redentore”, 2017, fibra di carbonio, 2,12 x 12 x 1,36 m, “Sommo Lottatore”, 2017, seduta, fusione in bronzo , 83 x 85 x 85 cm. Lago Specchio di Venere, Pantelleria (Sicilia) .

Regia video: Nicola Ferrari.

VARO META GONDOLA FISICA REDENTORE

 Marco Papa – Meta Gondola, San Marco Basin – Venice


The “Meta Gondola Fisica Redentore”, launched during the Redentore Feast in Venice. The Creation/Gondola is fabricated entirely in carbon fi ber. It is part of Marco Papa’s collection of Painted Objects, sculptures in carbon fi ber modeled in the “Dimensions of Man” using harmonious forms and twists giving them structure. The Meta Gondola Fisica Redentore will be a unique experience in that the public while seated in the Gondola can put on one of the Creation/Masks; VR masks, and experience through virtual reality the actual fi reworks display from the Redentore Festival in Venice this past July 15. It is one of the oldest and most popular festivities celebrated from 1577 in remembrance to the end of the great plague and to give thanks and pay homage the Basilica del Redentore created by Andrea Palladio was constructed on the Giudecca Island. Marco Papa’s decision to reinterpret the gondola as his subject was inspired by its slender, sinuous and elegant form, its symbol as a metaphysical object and for its mystery within redemption from social and cultural decadence.

Video: Ardaco Productions, Milan

VARO META GONDOLA FISICA REDENTORE

 Marco Papa – Meta Gondola, Bacino San Marco – Venezia


La Meta Gondola Fisica Redentore, varata la notte della festa del Redentore a Venezia. L’Opera/Gondola è realizzata interamente in fibra di carbonio e appartiene alla collezione Oggetti Dipinti di Marco Papa, sculture in fibra di carbonio modellate sulle “Dimensioni dell’Uomo” con forme armoniche e di torsione che ne danno struttura. La Meta Gondola Fisica Redentore è fruibile in un’esperienza unica, nell’ ambito della quale il pubblico, indossando le Opere/Maschere VR per la realtà virtuale, vi si può sedere e vivere lo spettacolo pirotecnico realizzato il 15 luglio scorso a Venezia per il festeggiamento del Redentore, una delle feste più storiche e popolari che si celebra dal 1577 per ricordare la fi ne di una terribile pestilenza festeggiata con la costruzione della Basilica del Redentore all’ isola della Giudecca, realizzata da Andrea Palladio. Marco Papa ha scelto la Gondola come soggetto da reinterpretare per le forme sinuose, slanciate ed eleganti, oggetto emblema della Metafisica e del mistero, di Redenzione alla decadenza sociale e culturale.

Video: Ardaco Productions, Milano

CONIUGI PROJECT

Marco Papa – Lambretto Ventura – Milan


Coniugi Project, by Marco Papa, finds its place in the new Milanese district of design and art within the 4th edition of the now consolidated Ventura Lambrate exhibition area.
Thanks to a complex and imposing installation the performance investigates the boundaries between masculine and feminine interpreted as dualism and symbiosis of the human condition. Marco Papa put on stage a project in which he bucks the trend with a reflection which focuses on a “primitive” necessity of design and of the human doing. An itinerant project in which a fashion designer, each time different, will confront himself with the project creator.
The performance/installation, melting pot of different languages, partially reflects the evolution of Lambrate, which from a “place-non place” status, has been transformed in few years in a contemporary area, where the artistic research can be mixed with technical intuitions and living.
Coniugi Project presents the new collection of Marco Papa, Oggetti Dipinti, comprises numbered and signed design sculptures made of carbon fibre. The artist will exhibit his latest works, realized by the author himself in nine samples and on human scales. The culptures are collection pieces, but at the same time they are models for industrial design.
The shapes of the objects lead the body in its natural posture, in an enveloping twist. The research was born in 1996 by Marco Papa’s graphite drawings realised on books and fashion, design and art magazines torn pages that nowadays have become 3D sculptures in carbon fibre.

CONIUGI PROJECT

Marco Papa – Lambretto Ventura – Milano


Nell’ambito dell’ormai consolidata quarta edizione dell’iniziativa Ventura Lambrate, nel nuovo quartiere milanese del design e dell’arte, si inserisce Coniugi Project, un progetto di Marco Papa.
In una complessa e imponente installazione, la performance indaga sui confini tra maschile e femminile intesi come dualismo e simbiosi all’interno della condizione umana. Marco Papa mette in scena una riflessione in controtendenza, che riporta l’attenzione a un’esigenza “primitiva” di design e del fare umano. Un progetto itinerante, in cui uno stilista sempre diverso si confronterà con l’ideatore della performance.
La performance/installazione, alchimia di diversi linguaggi, rispecchia in parte l’evoluzione di Lambrate che da “luogo-non-luogo” è stato trasformato, nel corso di pochi anni, in spazio contemporaneo dove la ricerca artistica si mescola con le intuizioni tecniche e il vivere.
Coniugi Project presenta la nuova collezione di Marco Papa, Oggetti Dipinti, sculture di design realizzate in fibra di carbonio, numerate e firmate. Le opere in mostra, la cui tiratura è di nove esemplari scolpiti e lavorati dallo stesso autore sulle dimensioni umane, sono pezzi da collezione, ma allo stesso tempo modelli per l’industrial design.
Le forme degli oggetti accompagnano il corpo nella sua naturale postura, in una torsione avvolgente. La ricerca nasce nel 1996 da disegni in grafite che Marco Papa ha realizzato su pagine strappate da libri e riviste di moda, design e arte, oggi diventati tridimensionali in carbonio.

IMMAGINI DIPINTE ANIMATE

 Marco Papa – Lambretto Ventura – Milan


The performance took place at the headquarters of the ExBazzi Printing / Graphics Bazzi. The choice of where to lodge the event was not accidental, it represents a reminder and a completion of the works Immagini Dipinte, a series of works, started in 1996, in which the artist draws objects in graphite detourning various paper supports of different contents (catalogues and magazines of fashion design, art…) and shaping graphite forms. The Oggetti Dipinti, today outcome of such a research, has therefore defined the transition from the two-dimensional primary nature of the pages to the three-dimensional one of the current carbon objects.
Two similar women interpret Masculinity and Femininity in alternate and co- ordinate times, they are Spouses, a Group, a Unit, they exchange roles, they move into simulations of a house’s inner space and in external urban spaces, every time breaking through their stage – fiction, crossing and overcoming each one of these sets. By passing, they gather, in material traces, the painting that builds the whole set.

IMMAGINI DIPINTE ANIMATE

 Marco Papa – Lambretto Ventura – Milano


La performance si è svolta all’interno della sede tipografica ExBazzi / Grafiche Bazzi. Il luogo scelto rappresenta il completamento delle Immagini Dipinte, ciclo di opere iniziato nel 1996, in cui l’artista disegna oggetti in grafite detournando vari supporti cartacei di differente contenuto (cataloghi e riviste di fashion design, arte…) e modellando le forme in grafite. Gli Oggetti Dipinti, esito odierno di una simile ricerca, hanno determinato il passaggio dalla primaria natura bidimensionale delle pagine a quella tridimensionale delle attuali sculture in carbonio.
Due figure umane somiglianti interpretano in tempi alterni e coordinati Mascolinità e Femminilità. Sono Coniugi, un Nucleo, un’Unità. Si scambiano di ruolo, si spostano in simulazioni di spazi sia interni di un’abitazione che esterni, urbani, sfondando ogni volta la loro finzione scenica per passare e superare ognuno di questi set. Nei loro passaggi raccolgono in tracce materiche la pittura che costruisce l’intera installazione.

ADELE 

Marco Papa – Zarina year Zero, Adele-C – Rome


From 2006 to 2010, Marco Papa conceived the Adele-C project, a design company created with Adele Cassina, of which Papa is also a business partner. Communication like the video “Adele” are a succession of works that tell the company values and the story of Adele Cassina, daughter of Cesare Cassina and witness, more than 50 years ago, of the birth of Italian design. The narrative language normally used for marketing campaigns as a simple advertising tool, becomes a work of art, thus loading itself with ethical and aesthetic content, bringing art back as the only communicative and foundational tool for the company.
By developing the Adele-C project Marco understands that the Zarina – armchair derived from the armchair that Adele as a child receives as a gift from her father in the Christmas of ’44 – is an archetype above time and design. It presents it as an icon, the pivot of the “Zarina anno Zero” Opera, proposed in related installations, presented over the years in different contexts.
The Adele-C work conceived by Marco Papa enhanced the synergy between the work of art, artistic creativity and production, in which art interprets industrial, cultural and human content.
The video “Adele” portrays Adele as a child, in a clay sculpture made with a technique that uses wooden trusses that pierces her like San Sebastiano, which the artist removes one by one by closing the wounds, Adele looks beyond an open door that reveals a constantly dripping wall of gold.

ADELE

Marco Papa – Zarina anno Zero, Adele-C – Roma


Dal 2006 al 2010, Marco Papa concepisce il progetto Adele-C, un’azienda di design creata con Adele Cassina, di cui Papa è anche socio d’impresa. La comunicazione come il video “Adele” sono un susseguirsi di opere che raccontano i valori aziendali e la storia di Adele Cassina, figlia di Cesare Cassina e testimone, più di 50 anni fa, della nascita del design Italiano. Il linguaggio narrativo utilizzato normalmente per le campagne di marketing da semplice strumento pubblicitario, diventa opera d’arte, caricandosi quindi di contenuti etici ed estetici, riportando l’arte come unico strumento comunicativo e fondativo d’impresa.
Sviluppando il progetto Adele-C Marco comprende che la Zarina – poltrona derivata della poltroncina che Adele bambina riceve in regalo dal padre nel Natale del ’44 – è un archetipo al di sopra del tempo e del design. La presenta come icona, perno dell’Opera “Zarina anno Zero”, proposta in installazioni correlate, presentate nell’arco degli anni in diversi contesti.
L’opera Adele-C pensata da Marco Papa valorizzava la sinergia tra l’opera d’arte, la creatività artistica e la produzione, in cui l’arte si fa interprete di contenuti industriali, culturali ed umani.
Il video “Adele” ritrae Adele bambina, in una scultura d’argilla realizzata con una tecnica che usa tralicci di legno che la trafigge come San Sebastiano, che l’artista toglie uno ad uno richiudendo le ferite, Adele guarda oltre una porta aperta che svela una parete costantemente gocciolante d’oro.

BLACK GENE PERFORMANCE

 Marco Papa – Performance tribute to Gene Antony Ray aka Leroy Jhonson, Ventura Lambretto – Milan


In 2006, Black Gene performance was held in Milan. All the participants had to pull a long rope which got past a huge mirror reflecting their effort, an image of the work they did in the past years, to support Marco Papa’s romantic, generous and misunderstood vision over the years. The action emphasized the artist’s commitment in keeping a group of people connected to an ideal not visible to them, which in this case is carried beyond the mirror wall. Their acting – holding tight the rope for several hours -formed, in the air, the life-size sculpture of the dancer, whose total weight was 500 kg, consisting of 11 blocks of black granite, interconnected with a cable passing within the sculpture, creating a ecartè en l’air, a dance move that became a metaphor of Gene Anthony Ray’s existence.

BLACK GENE PERFORMANCE

 Marco Papa – Performance omaggio a Gene Antony Ray alias Leroy Jhonson , Ventura Lambretto – Milano


Nel 2006 viene realizzata l’opera performativa Black Gene che si è tenuta a Milano. I partecipanti hanno dovuto tirare una stessa lunga fune che oltrepassava un enorme specchio, riflettente il loro sforzo, immagine della loro fatica nel sostenere negli anni trascorsi la romantica, generosa e incompresa visione di Marco Papa. L’azione enfatizzava l’impegno dell’artista nel tenere un gruppo di persone collegate ad un ideale ad esse non visibile, che in questo caso si compiva oltre la parete specchiante, agli occhi del pubblico, unico a vedere l’opera nella sua totalità. Il loro agire, il tenere per diverse ore tesa la fune, componeva in aria la scultura a grandezza naturale del ballerino, dal peso complessivo di 500 kg, costituita da 11 blocchi di granito nero interconnessi con un cavo passante al suo interno, realizzando un grand écart, passo di danza che diventa metafora dell’esistenza di Gene Anthony Ray.

AUTO SACRIFICE EVENT

 Marco Papa – ILJU Arts, Heung-kook Bld, Seoul


Marco Papa recalls the same model of the video Auto Sacrifice (Luise Rode) and sets up again the original set (12x4x4m) with which he made the video, using the cinematic blue back technique, in which the silhouette of the Jaguar belonging to the was carved installation Look at the side you don’t know (Union Gallery, 2003). For the Auto Sacrifice Event, the blue used is always a bright color. The video is projected behind the scenes, on a wall covered with a large sheet of white paper (6x4m). After a couple of hours of screening, Luise comes naked from the upper floor of the building, with her body painted as in the video. After crossing the public area, he reaches the installation and switches off the projection. Repeats the filmed action passing through the inside of the machine, staining itself with blue and going to lie in the front part of the set to the public. Raised, it retraces the journey backwards, leaving the imprints of its body and those of its steps throughout the set. Returning to the sheet that served as a screen, with a pencil she draws a door that opens and enters, leaving the scene and leaving it ajar. The public will have access to the room where Luise entered, the room in which it was painted.uto Sacrifice is the third video of the artist who concludes the trilogy (Our Black Moment, The Keeper, Auto Sacrifice, in which, constantly using a aesthetic from an advertising spot, investigates one of the most classic consumer-binomial pairs, woman-car. With the performative act Auto Sacrifice Event, created in Seoul in 2005, it reflects on the exhibition space as a place of reference and on the value and identity of the body and its nudity in contemporary society.

AUTO SACRIFICE EVENT

 Marco Papa – ILJU Arts, Heung-kook Bld, Seoul


Marco Papa richiama la stessa modella del video Auto Sacrifice (Luise Rode) e allestisce di nuovo il set originale (12x4x4m) con cui ha realizzato il video, utilizzando la tecnica del blue back cinematografico, in cui era intagliata la sagoma della Jaguar appartenente all’installazione Look at the side you don’t know (Union Gallery, 2003). Per l’Auto Sacrifice Event il blu utilizzato è un colore sempre vivo. Dietro le quinte è proiettato il video, su una parete ricoperta da un grande foglio di carta bianca (6x4m). Dopo un paio di ore di proiezione, dal piano superiore dell’edificio scende Luise nuda, con il corpo dipinto come nel video.
Attraversata la zona destinata al pubblico raggiunge l’installazione e spegne la proiezione.
Ripete l’azione filmata passando attraverso l’interno della macchina, macchiandosi di blu e andandosi a sdraiare nella parte di set frontale al pubblico. Rialzata, ripercorre il tragitto a ritroso lasciando le impronte del proprio corpo e quelle dei suoi passi per tutto il set. Tornata davanti al foglio che fungeva da schermo, con una matita disegna una porta che apre e in cui entra, uscendo di scena e lasciandola socchiusa. Il pubblico potrà accedere alla stanza dove Luise è entrata, la sala in cui è stata dipinta.uto Sacrifice è il terzo video dell’artista che conclude la trilogia (Our Black Moment, The Keeper, Auto Sacrifice, in cui, avvalendosi costantemente di un’estetica da spot pubblicitario, indaga uno dei più classici binomi consumistici, donna-automobile. Con l’atto performativo Auto Sacrifice Event, realizzato a Seoul nel 2005, riflette sullo spazio espositivo come luogo di richiamo e sul valore e l’identità del corpo e della sua nudità nella società contemporanea.

AUTO SACRIFICE

 Marco Papa – Union Gallery London


Auto Sacrifice is the third video of the artist that concludes a trilogy (Our Black Moment, The Keeper, Auto Sacrifice), in which the artist, constantly using advertising aesthetics, reflects on consumer objects, on their exhibition space as a place of attraction, and on the body and value identity and its nudity in contemporary society. The enigma is moreover a salient aspect of these works, that choose to draw from advertising language in order to communicate messages containing existential issues.

AUTO SACRIFICE

 Marco Papa – Union Gallery Londra


Auto Sacrifice è il terzo video dell’artista che conclude la trilogia (Our Black Moment, The Keeper, Auto Sacrifice, in cui, avvalendosi costantemente di un’estetica da spot pubblicitario, indaga uno dei più classici binomi consumistici, donna-automobile. Con l’atto performativo Auto Sacrifice Event, realizzato a Seoul nel 2005, riflette sullo spazio espositivo come luogo di richiamo e sul valore e l’identità del corpo e della sua nudità nella società contemporanea.

THE KEEPER

 Marco Papa – Amor Vacui – Palazzo Arengario,  Milan


Having removed the room’s furniture, the artist proceeds to depict it on the walls and the floor by means of a projection that follows the strictest rules of perspective and is optically convincing. Gino Trivieri, the keeper, performs the action of guarding what isn’t there. Truth has been replaced with its surrogate and we are left to witness the inadequacy of its reference point.

THE KEEPER

 Marco Papa – Amor Vacui – Palazzo Arengario,  Milano


Tolto l’arredamento della stanza, l’artista procede a disegnarne la proiezione sulle pareti e sul pavimento, seguendo le regole della più ferrea prospettiva e portando a termine l’illusione ottica. L’azione che compie il custode, Gino Trovieri, è quella di custodire quello che non c’è. La realtà è stata sostituita da un suo surrogato e a noi non resta che verificare l’inadeguatezza dei punti di riferimento. 

OUR BLACK MOMENT

 Marco Papa – Futurama exhibition – Pecci Museum, Prato


Our black moment represent the style of our society and aesthetic of relationship between art and fashion word. My research began from an image and a name that could symbolize the dichotomy between art and fashion, as I see it. The first time I saw Michael Walton, cover model of the March 2000 edition of “Vogue Man” was in a photo reportage of the fashion photographer Mario Testino: Michael Walton dressed Gucci, Prada, Louis Vuitton, Calvin Klein. What convinced me that Michael Walton was exactly what I was looking for, was a tattoo on his breast: a little unicorn – the same image I have used at the beginning of my “career”. In the same way, I believed Prada to be the only fashion name for my goal, due to her strong interest for contemporary art. This is why I asked Miuccia Prada for the accessories and dresses I would have used. The video, spot of Our black moment, I already showed during Futurama, curated by Bruno Corà, Marco Meneguzzo and Raffaele Gavarro, at the Pecci Museum in Prato; and during Offered Spaces, curated by Chiara Parisi, at San Casciano dei Bagni (Siena). The video has been shoot in digital without interruptions from three different points of view: one front view and two side views. Timing and techniques I used, are very similar to the advertising ones.

OUR BLACK MOMENT

 Marco Papa – Mostra Futurama – Museo Pecci, Prato


Our black moment rappresenta lo stile della nostra società e l’estetica della relazione tra il mondo dell’arte e della moda. La mia ricerca ha inizio da un’immagine e un nome che simboleggiano la dicotomia tra arte e moda, così come la vedo. La prima volta che ho visto Michael Walton, modello di copertina del numero di Marzo 2000 della rivista “Vogue Uomo”, è stato in un reportage firmato dal fotografo di moda Mario Testino: Michael Walton indosava capi di Gucci, Prada, Louis Vuitton, Calvin Klein. La cosa che mi ha convinto che lui era esattamente la persona che stavo cercando fu un tatuaggio sul suo petto: un piccolo unicorno – la stessa immagine che avevo utilizzato all’inizio della mia “carriera”. Allo stesso modo, ho individuato Prada come l’unica firma della moda atta al mio scopo, grazie al suo forte interesse nell’arte contemporanea. Ecco perché ho chiesto a Miuccia Prada capi e accessori che avrei voluto usare. Il video, spot di Our Black Moment, è già stato presentato durante Futurama, curata da Bruno Corà, Marco Meneguzzo e Raffaele Gavarro al Museo Pecci di Prato e durante Offered Spaces curato da Chiara Parisi a san Casciano dei Bagni (Siena). Il video è stato girato in digitale, senza interruzioni, da tre punti di vista differenti: uno frontale e due laterali. La tempistica e le tecniche usate sono molto simili a quelle degli spot pubblicitari.

WHERE’S LOVE

 Marco Papa – Autori Cambi Gallery, Roma


Where’s love, 2002, is an installation, video projection and performance that portrays private events of the artist’s life in Rome. The two entrance windows to the exhibition space are duly obscured. Crossing the threshold, we realize that this occlusion was made through a mixture of Mediterranean spices, whose essence impregnates the room to the extent where we can access more deeply the artist’s personal life; the scent corresponds to an episode from the artist’s memory, with its own particular emotional connotation. Without realizing it, we end up in a path where our footsteps are muffled. The floor has been covered by various layers of paper that dampen the noise of our steps, forcing us, though, to leave a footprint, a trace. At the intersection of two walls, the projection of a hand towers over us, rhythmically beating time, tapping five views of Rome on the floor. The fingernails are microscopically painted by Marco Papa with illustrations of characteristic corners of the city, referring to symbolic episodes of the artist’s life and communicating the sedimentation of their memory. 

Continuing the path, we realize that the projection is a closed circuit shot coming from a secluded room, where, in total darkness, the only guidance offered to the visitor are some cadenced and rhythmic noises. The sensation is to be close to a concrete presence – probably female – and that noises, amplified in the previous room, come from her nails tapping.

An infrared camera films the obsessive motion.

WHERE’S LOVE

 Marco Papa – Galleria Autori Cambi, Roma


Where’s Love, del 2002, è un’istallazione, videoproiezione e performance che ritrae vicende private dell’artista nella città di Roma. Le due vetrate d’ingresso dello spazio espositivo sono state debitamente oscurate. Varcata la soglia ci si accorge che tale occlusione è stata compiuta attraverso un impasto di spezie tipicamente mediterranee, la cui essenza impregna l’ambiente al punto da farci accedere più profondamente nell’intimità dell’artista, che solo può far corrispondere a tale dispersione di odori una sua memoria.Senza accorgercene siamo finiti all’ interno di un percorso in cui i nostri passi sono ovattati. Il pavimento è stato ricoperto da vari strati di carta che attutiscono il rumore del nostro passaggio, ma che ci obbligano a depositare l’impronta, a lasciare una traccia. All’ incrocio di due pareti giganteggia la proiezione di una mano che ritmicamente scandisce il tempo, tamburellando nello spazio, con rumore tuonante, cinque visioni di Roma che sono dipinte microscopicamente a mano da Marco Papa sulle unghie. Scorci e angoli della città che rimandano a episodi simbolici della vita dell’artista e che comunicano la sedimentazione del loro ricordo.

Proseguendo il percorso si comprende che la proiezione è una ripresa a circuito chiuso che nasce da una stanza appartata dove, nel buio totale, l’unico orientamento offerto al visitatore è costituito da alcuni rumori cadenzati e ritmati. Si avverte di essere in prossimità di una presenza concreta -presumibilmente femminile – e si intuisce che il suono deriva dal reale tamburellare di una mano di donna, amplificato nella stanza precedente. Una telecamera a raggi infrarossi riprende l’ossessivo movimento. Nell’oscurità della stanza è scomparsa ogni immagine, rimane unicamente un ritmico rintocco scandito da una donna e dal reale movimento della sua mano. “Dov’é l’amore?”: nel luogo in cui manca ogni tipo di riferimento visivo, l’artista si trova in procinto di incontrare la propria anima, espressione di un principio femminile che non è necessario vedere con gli occhi, ma di cui è fondamentale seguire il richiamo.

Special thanks to Simone Tartocchi (director).